Prepararsi al parto: le cose da sapere e i consigli utili per parto naturale e per parto cesareo

Prepararsi al parto nella maniera corretta consente di vivere la nascita di un figlio in modo sereno e assicura una ripresa veloce della mamma. Ecco le cose che devi assolutamente sapere prima del parto, le cose da preparare e i consigli per prenderti cura di te stessa e del tuo bambino. Quando prepararsi al parto La preparazione al parto è di notevole importanza per ogni donna perchè le consente di sciogliere dubbi ed incertezze relative al travaglio di parto, alla nascita del bebè e al puerperio. Durante la gravidanza si vivono forti emozioni e avvengono nella gestante cambiamenti sia fisici che psicologici che per essere vissuti al meglio necessitano di un supporto amico accompagnato da informazioni giuste e corrette su quello che succederà durante la nascita e cosa effettivamente bisogna fare per prepararsi al meglio. Sia che tu partorirai in modo fisiologico, sia con un taglio cesareo la preparazione al parto dovrebbe iniziare nel terzo trimestre di gravidanza intorno alla trentesima settimana in modo da organizzare la casa per tempo, preparare il corpo materno al grande evento e soprattutto fare tutto con calma senza la fretta dell'ultimo momento. Come prepararsi al parto La preparazione parto consiste nell' accingersi alla nascita fisicamente e psicologicamente pronte, ricevendo informazioni corrette che migliorino il benessere di mente e corpo della neomamma. Sono sicura che avrai mille domande da fare in merito al parto, cosa preparare, come organizzare la casa, come avviare l’allattamento e tanto altro. Bene ti trovi nel posto giusto! Qui troverai una scaletta delle cose che devi pianificare prima del parto e i suggerimenti da mettere in pratica per un parto senza stress. Innanzitutto, dovrai scegliere la struttura dove partorire e le possibilità di parto che offre. Non tutti i reparti maternità sono attrezzati per fare un’esperienza di parto particolare, ad esempio, alcuni punti nascita offrono la possibilità di partorire in acqua o di fare un parto umanizzato totalmente demedicalizzato, altri ancora permettono al partner o alla persona di fiducia della partoriente di assistere al travaglio e alla nascita. Un' altra importante valutazione da fare quando si sceglie dove partorire è assicurarsi che vi sia un supporto adeguato al neonato, come il reparto di neonatologia, qualora il neonato avesse necessità di essere assistito. La persona che assiste al parto generalmente è il papà del bebè ma qualora per motivi vari non fosse così, scegli una persona di cui ti fidi e con cui potrai essere libera di esprimere la tua intimità di donna e madre. Dopo aver scelto la struttura in cui dare alla luce il neonato, visita il reparto, chiedi informazioni sulle regole al suo interno come orario di visita, degenza, servizi offerti e tutte le domande che ritieni possano migliorare il tuo soggiorno. Non ultimo mettiti in contatto con la tua ostetrica di fiducia in modo da avere un punto di riferimento valido e competente che ti aiuti non solo al momento del parto ma in tutta la fase di preparazione parto. Come organizzare la casa? La preparazione al parto presuppone anche la preparazione e la riorganizzazione della casa in vista dell’arrivo del bebè, dovrai allestire tutto in modo da poterlo accudire in maniera fluida. Innanzitutto, è necessario individuare uno spazio all' interno della camera da letto padronale dove sistemare la culla, un posto tranquillo, lontano da spifferi e non di passaggio. In un'altra area dell’abitazione dovrai disporre una zona cambio pannolino con tutto il necessario per il neonato. I neonati non hanno bisogno di molte cose ma è importante che per la loro sicurezza e la tua comodità che siano tutte a portata di mano in modo da prendere facilmente ciò di cui si ha bisogno per soddisfare un’esigenza del piccolo. Per prepararsi all' arrivo del bebè scrivi una lista delle cose di cui necessita il neonato in modo da avere tutto sotto controllo e non dimenticare nulla. Nella lista scrivi le cose realmente essenziali e non acquistare troppi vestitini, i bebè crescono in fretta. Puoi fare una lista da condividere con amici e parenti come quella Amazon che non ha nessun obbligo di acquisto e offre il vantaggio di poter essere condivisa in modo che chi ti voglia fare un regalo scelga quello che tu hai precedentemente messo nella lista. I vestiti del neonato vanno lavati con un sapone specifico per neonati oppure con uno totalmente naturale come il sapone di Marsiglia. I detersivi normali possono contenere profumazioni e dare allergie alla delicata pelle del bambino. Dopo il lavaggio, sciacqua per bene i vestitini e stendili al sole, quindi organizza i cassetti in modo funzionale. Come preparare la borsa parto? La borsa per il parto deve contenere tutto il necessario per la mamma in sala travaglio e per il neonato. Prepara la borsa intorno al settimo mese di gravidanza in modo da essere pronta per un eventuale ricovero inaspettato. All' interno della valigia non dimenticare di mettere i documenti della gravidanza e un tuo documento in corso di validità. Come prepararsi al parto: seno e perineo Anche il tuo corpo ha la necessità di prepararsi al parto. Potrai preparare il seno all'allattamento con le corrette cure igieniche delle mammelle ed eventualmente fare dei massaggi ai capezzoli soprattutto se sono introflessi. La preparazione del seno deve iniziare non prima della trentaquattresima settimana perchè la sollecitazione dei capezzoli potrebbe favorire le contrazioni uterine. La preparazione del corpo materno al parto consiste anche nel prendersi cura del perineo, che ha un ruolo attivo al momento del parto. L'assistenza e l’attenzione perineale in gravidanza va fatta con il massaggio perineo e gli esercizi per il perineo che consentono di prendere consapevolezza di questa importante parte del corpo. La preparazione del perineo serve a renderlo elastico in modo da evitare lacerazioni ed episiotomia durante il parto. Banalmente prepararsi al parto passa anche da come depilarsi prima del travaglio. La depilazione prima del parto si chiama tricotomia e può essere fatta una due settimane prima della data presunta del parto. Come prepararsi al parto naturale Il parto naturale è anticipato da sintomi e segnali che indicano che il momento della nascita è vicino. La perdita del tappo mucoso, le contrazioni preparatorie e irregolari sono solo alcuni dei sintomi preparto. Prepararsi al parto significa riconoscere i segnali per valutare se si tratta di vero travaglio o di falso travaglio. Il travaglio attivo è preceduto da una fase denominata prodromica in cui le contrazioni non sono molto fastidiose e si presentano come irregolari. La preparazione al parto ti consentirà di riconoscere quando inizia il travaglio vero e proprio in modo da recarti in ospedale per la nascita del bebè. Potrai inoltre conoscere le fasi del parto e da cosa sono caratterizzate, come effettuare le spinte in maniera efficace e le varie posizione per partorire. Prepararsi al parto cesareo Anche il parto cesareo necessita di una corretta preparazione. Chiedi informazioni alla struttura dove sarai sottoposta all'intervento chirurgico in modo da conoscere i tempi di degenza l'iter di preparazione con l’anestesista e le cose da esibire al momento del ricovero. Non dimenticare di chiedere all'ostetrica che ti assisterà di poter avviare l’allattamento al seno subito dopo il taglio cesareo qualora tu voglia farlo e se è possibile fare il pelle a pelle in sala operatoria. Gestione del dolore in sala parto Le tecniche di gestione del dolore in travaglio di parto sono di notevole aiuto per la donna che travaglia indipendentemente che sia al primo al secondo o al terzo figlio. Le tecniche naturali per sopportare il dolore sono la respirazione, il movimento, le posizioni antalgiche e il rilassamento. Imparare gli schemi respiratori, magari insieme al partner presente in sala parto, consentono di sopportare meglio le contrazioni parto. Oltre alle tecniche naturali potrai richiede il parto indolore mediante analgesia peridurale. Mettiti in contatto con la struttura ospedaliera in modo da effettuare la preparazione per la parto analgesia con l’anestesista e avere tutto pronto quando inizia il travaglio parto. Consigli per il post partum Dopo il parto è necessario prendersi cura del proprio corpo nella maniera corretta e con i prodotti giusti. Praticare una corretta igiene intima ti aiuterà ad avere una ripresa più veloce. Imparare a riconoscere i segnali di una possibile infezione o di una lochiazione anomala consentono alla neomamma di intervenire tempestivamente e trovare facilmente la soluzione ad un eventuale problema clinico. La medicazione corretta di eventuali punti di sutura o di episiorrafia, oppure del taglio del cesareo, ti permetteranno di riprendere una vita sessuale appagante e di non alterare le normali funzioni di contenimento. Dopo la nascita del bebè sarà necessario registrarlo all'anagrafe e in differenti modalità se i genitori sono coniugati o meno, informati sull' iter da seguire per sbrigare questa pratica burocratica. Prepararsi all' allattamento Prepararsi al parto è anche consapevolezza dell’importante funzione del colostro prima e poi del latte materno per la nutrizione del bebè. Per l’avvio dell’allattamento è necessario attaccare il bebè in modo corretto per evitare fastidi al capezzolo e favorire la montata lattea. Una corretta preparazione alla nascita ti informa sulle posizioni per allattare e sulla conservazione del latte materno. Come prepararsi al parto: il libro Per aiutarti nella preparazione sia al parto naturale sia al parto cesareo ecco per te un libro che rappresenta un corso preparto su carta. Avrai dei consigli utili per prepararti all’arrivo del bebè, in particolare nella preparazione del tuo corpo, della casa e di ciò che ti servirà per il parto e per la degenza in ospedale. Avrai consapevolezza della funzione del perineo in gravidanza, come prepararlo al parto e come prendertene cura dopo la nascita. Riconoscerai i segnali che anticipano il parto. Ti dirò le tecniche di rilassamento che potrai utilizzare nel momento del travaglio, e le tecniche farmacologiche di controllo del dolore come l’analgesia peridurale. Ti immergerai nello sbalorditivo evento parto, capendo le dinamiche che lo caratterizzano. Vivrai con benessere il post partum prendendoti cura di te e comprendendo i segnali che il tuo corpo ti manda. Affronterai tematiche importanti dopo il parto come l’iter per rivelare il neonato all’anagrafe, la tristezza dopo il parto e la sessualità con il partner. Saprai come nutrire il tuo bambino attaccandolo correttamente al seno, le proprietà del colostro e l’arrivo della montata lattea. Ti prenderai cura del tuo bambino in maniera consapevole. Come piace dire a me cercherò di prendermi cura non solo di quello che è il tuo corpo ma soprattutto della tua mente.

Prepararsi al parto: le cose da sapere e i consigli utili per parto naturale e per parto cesareo

Prepararsi al parto! i I consigli dell'ostetrica per il parto, la cura del perineo, la ginnastica preparto, riconoscere le contrazioni, cosa